7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore: itinerario in città

Cosa vedere a Istanbul in una giornata? Cosa non perdere assolutamente? Come organizzare la visita in autonomia?
Ce lo siamo chiesti anche noi durante il nostro viaggio.  Ed è così che è nato il nostro mini itinerario alla scoperta di 7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore, confezionando una visita di meno di 10 ore [qui trovate il nostro itinerario completo del viaggio di nozze in crociera nel Mediterraneo Orientale]
In realtà noi avevamo in programma una visita guidata, ma per diversi motivi, ci è stata annullata e quando lo abbiamo saputo ci è preso il panico. Abbiamo optato per la scelta che ci è parsa più pratica e comoda: viaggiare in taxi.
Scesi al porto, ci siamo imbattuti subito in un  tassista che parlava bene l’italiano. Per 120 euro ci ha accompagnato nei luoghi simboli di Istanbul dalle 9 alle 16, portandoci anche a degustare piatti tipici locali senza spendere una fortuna.
E’ così che è iniziato il nostro tour privato per la fantastica Istanbul.

7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore: Ponte di Galata

Primo foto stop sul Ponte di Galata: collega le due rive europee di Istanbul e attraversa il Corno d’Oro nel punto in cui sfocia nel Bosforo. Il ponte si struttura su due livelli: quello dove ci troviamo noi che è il superiore, dove sfrecciano auto, taxi, pullman e tram e dove è facile assistere alla pesca di pesci che poi vengono cucinati al piano inferiore del ponte, dove sono stati costruiti ristoranti e locali molto esclusivi e romantici.
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (1)
………………….

7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore: Quartiere di Sultanahmet

Il tassista ci ha quindi accompagnati nei pressi dell’antico Ippodromo di Costantinopoli, fatto costruire in origine dall’imperatore romano Settimio Severo e poi ricostruito da Costantino I:  oggi è una delle più famose piazze della città, denominata anche  “Piazza dei Cavalli” (Al Meydani).  Questo è il quartiere di Sultanahmet, il cuore pulsante di Istanbul. Qui il nostro amico tassista ci indica quelle che sono le pietre miliari di Istanbul e che possiamo visitare partendo da qui: l’Obelisco di Teodosio, la Colonna Serpentina e la fontana di Guglielmo; Piazza Sultanahmet, con la Moschea blu e Santa Sofia; il Palazzo Topkapi.
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (3)
……………..
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (7)
………….
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (6)
Partiamo dunque col fotografare l’Obelisco di Teodosio: è un obelisco egizio, risalente al 1540 a.C e giunto a Costantinopoli intorno al IV secolo d.C. Accanto notiamo anche un piccola colonna, detta Colonna Serpentina perché formata da 3 serpenti intrecciati.
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (2)
La fontana di Guglielmo risale ai primi del novecento ed è è stata donata dal Kaiser a Abdulhamit II.
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (5)
Da qui ci siamo spostati alla vicina e splendida Piazza Sultanahmet, da cui si ammira un paesaggio unico: una fantastica fontana con giochi d’acqua, decorata a mosaico, e circondata dalle due Moschee simbolo di Istanbul; da un lato la maestosa Moschea Blu e di fronte l’antica Santa Sofia.
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (4)
……………….

7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore: Moschea Blu

Avendo un pò di tempo decidiamo di entrare a curiosare nella Sultanahmet Camii, meglio conosciuta come Moschea Blu, per cui non si paga l’ingresso. Che dire: maestosità, grandezza, fascino e stupore sono le sensazioni che si provano varcando la soglia all’entrata. E’ famosa, oltre che per il colore caratteristico delle sue piastrelle, per il fatto di avere 6 minareti, uno in meno solo della Moschea della Mecca.
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (11)
……………..
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (12)
…………………….

7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore: Moschea di Santa Sophia

La Moschea di Santa Sofia è forse il luogo che più ho amato della città. Non a caso, se avessimo avuto una bimba si sarebbe chiamata Sophia. La sua storia è antichissima: nel 360 a. C era una chiesa, fu poi convertita in moschea durante la conquista ottomana; attualmente è considerato il più importante monumento bizantino del mondo, nonché, per molti storici d’arte, l’ottava meraviglia al mondo. Poiché non è più adibita a luogo di culto qui possiamo entrare senza coprirci il capo.

Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (14)……………….Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (15)………………Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (13)

 

………….

7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore: Palazzo Topkapi

La nostra prossima tappa ora è il Palazzo Topkapi, la dimora dei Sultani fino al 1853. Questo prezioso museo si trova in una posizione privilegiata, nel punto in cui il Bosforo, fuso con il Corno d’Oro, sfocia nel Mar di Marmara. Il top della visita sono le 4 stanze del Tesoro, considerata la collezione più ricca e bella del mondo.
Come arriviamo scopriamo però che non lo possiamo visitare perchè il biglietto di ingresso si può acquistare pagando unicamente con lire turche. In biglietteria non sono accettati ne’ euro ne’ carte di credito, quindi ci dobbiamo accontentare solo di girovagare nel bel giardino antistante l’ingresso al palazzo. Un vero peccato.
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (8)
………
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (9)
……………..

7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore: Gran Bazar

Riprendiamo il taxi e via. Si ricomincia a sfrecciare per la nostra amata metropoli, diretti al Gran Bazar, ma prima un photo stop all’acquedotto di Valente,che ha alimentato i più famosi palazzi bizantini e ottomani e di cui oggi rimangono solo 800 metri.
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (10)
Il Gran Bazar è forse il mercato più famoso al mondo, che copre una superficie di circa 30.000 metri quadrati per un totale di 4.500 negozi. Qui si può trovare davvero di tutto, dall’artigianato locale, ai souvenir qualunquisti. Avevamo avuto modo di leggere in internet cosa fosse il Gran Bazar, ma viverlo è un’esperienza che sconvolge tutti i 5 sensi: luci, colori, suoni e profumi, un mondo a parte caratterizza questo luogo così particolare e unico, fatto di circa 90 vicoli che si assomigliano tutti e in cui è veramente facile perdersi. Ma forse il suo fascino è anche questo.
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (16)
La parte forse più caratteristica del Gran Bazar è il nucleo più antico, che oggi ospita negozi piccolissimi in cui si vendono oggetti raffinatissimi, come pregiati tappeti, oggetti di antiquariato e suppellettili preziosi.
E’ ora di pranzo e il nostro amico tassista ci guida (in tutti i sensi) in un localino niente male, affacciato sul Bosforo. Lungo il tragitto passiamo anche per la mitica stazione dell’Orient Express, simbolo orientale della città.
………….

7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore: Piazza Taksim

La prossima tappa ci sarà molto utile proprio per fare rifornimento di tè: ci spostiamo verso la parte moderna della città, che ha come cuore pulsante Piazza Taksim, dove il nostro tassista-guida ci saluta indicandoci la strada che in circa venti minuti ci avrebbe riportati al porto.
E’ così che veniamo catapultati in una città che non sembra nemmeno Istanbul, perchè così diversa da quella che fin’ora avevamo conosciuto. Ci ritroviamo in Istiklal Caddesi, una delle isole pedonali più famose di Istanbul, dove veniamo avvolti da strade, negozi e ristoranti che ci riportano alla mente le grandi metropoli moderne; proprio in uno di questi negozi compriamo  la bellezza di 15 scatole di te turco, sperando che al controllo per l’ingresso in nave non ci blocchino per contrabbando di tè.
………………..

7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore: considerazioni finali di una giornata in città

Dopo aver girato come trottole, la giornata nel cuore di Istanbul sta per volgere al termine. Soddisfatti di aver scoperto i mille volti di una città così misteriosa, dal fascino orientale, ma allo stesso tempo anche molto occidentale, ci incamminiamo verso il porto.
Uniche due delusioni: non aver potuto visitare il gioiello Topkapi e la meravigliosa Cisterna di Giustiniano, chiamato anche “Palazzo sotterraneo”, uno degli altri simboli cittadini. E’ la più grande e sontuosa cisterna coperta di Istanbul, supportata da 336 colonne.
Purtroppo il non aver avuto con noi lire turche ci ha penallizzato, ma ci riproponiamo di tornare presto a scoprire ciò che in questo primo assaggio di Istanbul non abbiamo approfondito.
Uno dei ricordi più belli di questa città unica nel suo genere, sarà sicuramente lo skyline che dalla nostra nave possiamo ammirare. La notte anima Istanbul di un fascino ancora più indescrivibile; le  Moschee illuminate si riflettono nell’acqua tranquilla del Bosforo. Veglia su di noi tutta illuminata la Torre di Galata, di epoca bizzantina, distrutta nel XIII secolo e fatta ricostruire dai genovesi verso il  1348, utilizzato come sistema di fortificazione, difesa e avvistamento delle navi. Spostando lo sguardo dal lato opposto, la parte asiatica di Istanbul non potrebbe sembrarci così vicina.
E noi, passeggiando per il ponte, siamo felici di pensare che il primo giorno d’estate lo abbiamo trascorso qui. Nella romantica Istanbul.
Innamorati in Viaggio, 7 cose da vedere a Istanbul (17)
….
Noi ad Istanbul abbiamo trascorso altri due giorni e presto vi racconteremo che cos’altro abbiamo scoperto della città, che ha una marea di siti interessanti da visitare.
Voi siete mais stati ad Istanbul? Vi piacerebbe oppure vi spaventa come meta?
Facebook Comments

Autore dell'articolo: Ileana De Pasco

Ileana De Pasco, viaggiatrice, fotografa e scrittrice per passione. Mamma a tempo pieno, costruisce itinerario di viaggio pensati per tutta la famiglia

7 thoughts on “7 luoghi da non perdere ad Istanbul in poche ore: itinerario in città

    Chiara

    (9 Gennaio 2019 - 23:59)

    Non sono mai stata ad Istanbul, mi ispira ma al momento non è in cima alla mia lista di desideri! Molto belle le due moschee e un vero peccato che non siate riusciti ad entrare nel Palazzo…ormai la carta di credito dovrebbe essere utilizzabile ovunque!

      Ileana De Pasco

      (15 Gennaio 2019 - 7:38)

      Esatto la penso anche io così. Ma questo è un motivo in più per tornare 🙂

    sofia riccaboni

    (11 Gennaio 2019 - 12:52)

    Sai che Instanbul è una destinazione che mi attira molto? Ho solo paura di arrivare e non trovare accessibilità… Mi devo informare bene 🙂 ma non mi farò scoraggiare. E cercherò di capire se le cose da vedere che elenchi posso visitarle anche io 🙂

      Ileana De Pasco

      (15 Gennaio 2019 - 7:37)

      Non ricordo di preciso se ha problemi di accessibilità. Forse le Moschee possono avere qualche problematica, ma ti auguro di cuore di poterla visitare. Merita davvero.

    CRISTINA

    (13 Gennaio 2019 - 22:53)

    Ciao Ileana, secondo te è fattibile fare il tuo giretto cn un bambino?
    mi piacerebbe moltissimo andare ad Istanbul ma ho un po’ paura perchè non mi sembra una città molto sicura!

      Ileana De Pasco

      (15 Gennaio 2019 - 7:36)

      Il nostro viaggio risale a giugno 2015, dopo sei mesi c’è stato l’attentato. Io mi sono sentita sicura a dirti la verità. Anche all’interno del Gran Bazar, nonostante ci sia moltissima gente, non ho mai avuto paura. Ho idea che il clima dal nostro viaggio sia un po’ cambiato però. Probabilmente, al momento, io non ci poterei mio figlio, purtroppo.

    Dani

    (14 Gennaio 2019 - 10:29)

    Istambul è una meta che mi attira molto, sembra una città molto allegra e con tante attività interessanti. Spero di visitarla presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *