Lago del Mis : Veneto con i bambini tra Cadini del Brenton e Cascate della Stoffa

Il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi si estende a nord della città di Belluno e merita assolutamente una sosta. Il Veneto è una regione che ha tantissimo da offrire , soprattutto alle famiglie che viaggiano con i bambini e che sono alla ricerca di luoghi speciali e a contatto con la natura. Il Lago del Mis è proprio uno di questi posti.

Noi lo abbiamo scoperto per caso, ma è un luogo che ci ha colpito per il colore delle sue acque turchesi, la bellezza della natura rigogliosa nei Cadini del Brenton e la forza della natura della Cascata delle Soffia.

Oggi vi raccontiamo la nostra gita di qualche giorno fa in questo luogo spettacolare.

Lago del Mis, Innamorati in Viaggio

Veneto con i bambini: Lago del Mis

Il Lago del Mis è un lago artificiale all’interno della Valle del Mis, nel comune di Sospirolo, la porta di accesso al Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi. Arrivare fino a qui è molto semplice: basta percorrere la strada provinciale 2 che attraversa tutta la Valle del Mis e collega i paesi di Sospirolo a Gosaldo e Rivamonte. Provenendo da Sospirolo, la strada per raggiungere il lago è stretta e tortuosa con una serie di gallerie non illuminate scavate direttamente nella roccia, ma di una bellezza superlativa. Una volta sbucati fuori dalla prima galleria, lo spettacolo che vi aspetta è davvero da cartolina.

L’acqua ha un colore verde smeraldo che con i raggi del sole diventa ancora più acceso e brillante. All’inizio del lago si trova una zona attrezzata con panche per fare il picnic e giochi per i bambini e un piccolo bar con servizi igienici a pagamento. Mentre a bordo lago una bella zona verde dove poter prendere il sole e rilassarsi.

Lago del Mis, Innamorati in viaggio, 1
Lago del Mis, Innamorati in viaggio, 2
Lago del Mis, Innamorati in viaggio, 3
Lago del Mis, Innamorati in viaggio, 4

Veneto con i bambini: Lago del Mis – Cadini del Brenton

I Cadini del Brenton rappresentano la principale attrazione del Lago del Mis. Il complesso è costituito da piscinette naturali disposte in successione (i così detti “cadini”) disposte al altezze diverse che portano alla formazione di piccole cascatelle generate proprio dal torrente Brenton.

L’accesso per visitare i Cadini del Brenton è libero: ed inizia a circa 400 metri dell’ingresso del Centro Visitatori, verso la fine del Lago del Mis venendo da Sospirolo. E’ possibile lasciare l’auto a lato strada. In prossimità dell’ingresso si trova anche il Giardino Botanico chiamato Campanula Morettiana, il fiore che simboleggia le Dolomiti Bellunesi.

Dopo aver attraversato una zona boschiva pianeggiante, si arriva in corrispondenza dei cadini, che in totale sono 15, ma il percorso messo in sicurezza consente di vederne solo 11.

Lo spettacolo dei Cadini lascia veramente senza parole. E’ vietato fare il bagno all’interno dei cadini, anche se questo divieto non sempre viene rispettato. La natura è la protagonista assoluta di tanta bellezza e così deve rimanere, a nostro avviso.

Nota per tutti i genitori di bimbi piccoli: il percorso è impossibile da percorrere con il passeggino. Consigliamo uno zaino. Il nostro Piccolo principe ha fatto tutto il percorso di circa 40/45 minuti con le sue gambette. Alla fine era stanco, ma tanto felice.

Lago del Mis, Innamorati in viaggio, 6
Lago del Mis, Innamorati in viaggio, 7
Lago del Mis, Innamorati in viaggio, 8
Lago del Mis, Innamorati in viaggio, 9
Lago del Mis, Innamorati in viaggio, 10

L’acqua cambia continuamente colore a seconda dei raggi del sole che la illuminano. (Le immagini sono senza filtri).

Veneto con i bambini: Lago del Mis – Cascata delle Soffia

Terminata la passeggiata in mezzo ai boschi per fotografare i Cadini, ci spostiamo verso il Bar della Soffia, da cui parte una semplicissima passeggiata per raggiungere la cascata più famosa della zona, la Cascata della Soffia. Addentrandosi nel bosco, in meno di 10 minuti raggiungerete questa forza della natura.

La cascata si forma perché il torrente Soffia, infrangendosi contro le rocce, crea un orrido di 12 metri per poi andare a confluire nel Lago del Mis. Da una piattaforma di legno è possibile ammirare il salto della cascata in tutta la sua impetuosità.

Il nostro Veneto ci riserva sempre grandi sorprese e le bellezze vicino a casa sanno davvero stupirci. Continueremo a scoprire la nostra regione e se vi va, continuate anche voi a viaggiare con noi !

Facebook Comments

Autore dell'articolo: Ileana De Pasco

Ileana De Pasco, viaggiatrice, fotografa e scrittrice per passione. Mamma a tempo pieno, costruisce itinerario di viaggio pensati per tutta la famiglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *